«Il peggior dispetto che puoi fare a Kerouac è di rileggerlo a trentotto anni