Avevo sempre creduto che avvenisse solo nei libri che la gente mangiasse la corteccia degli
alberi», osservò. «Quella dei giovani platani è la più buona.» Il ricordo lo spinse ad alzarsi per farsi dare un paio di salsicce al banco. Rubasciov, memore della brodaglia della prigione e degli scioperi della fame, mangiò con lui (il buio a mezzogiorno)

Advertisements