<<Gustav Mahler aveva bisogno del dolore, come anche Beethoven e Brahams, in un certo senso. Quando ci conoscevamo da poco diceva spesso, sebbene si fosse innamorato del mio volto, allora bello: “nel tuo viso sono troppo pochi i segni del dolore” >> (Alma Mahler)

Advertisements